La Situazione attuale

È importante che i bambini, una volta cresciuti, sappiano come era la vita prima che loro nascessero; è importante che conversino con i nonni e i genitori per sapere come era il passato del loro popolo; già oggi gli adolescenti molte volte non sanno nulla di come era prima.

Anonimo Guaranì

capanne_th.jpgLa maggior parte degli indios vive nelle Terre Indigene, ma conosce la modernità attraverso la televisione, viaggi, corsi di istruzione, ecc.

artigianato_th.jpgLe popolazioni si modificano da sole o sono forzate a farlo. Sarebbe importante, quindi, che potessero approssimarsi alla modernità senza perdere la propria identità. Ma ogni giorno che passa, man mano che i vecchi muoiono, si sta perdendo la memoria di riti, usi e costumi, abitazioni antiche, di gran parte, cioè, della loro cultura.

lebre-milho_th.jpgAttualmente la maggior parte degli indios dimora molto poveramente in capanne o casette di 45 mq costruite con risorse statali, coltivando la terra, allevando piccoli animali domestici e producendo manufatti artigianali.

Ciascuna famiglia ha in media 4 figli e riceve un sussidio mensile dal Governo federale.

aldeia_th.jpg
Le terre indigene sono aree protette
La società brasiliana non india vede le popolazioni indigene ora con preconcetti, ora con idealizzazioni, non avendo spesso una corretta conoscenza di queste antiche culture. Alle volte, disprezzano gli indios ritenendoli fannulloni e incapaci. Per questo alcuni di essi si vergognano di essere indios.

La cultura

altare_th.jpgI Guarani, secondo la loro cultura, ricavavano dalla natura solo ciò che era strettamente indispensabile per la propria sopravvivenza e misuravano la relazione tra gli esseri umani non dalla quantità di ciò che una persona produceva o non produceva. Ora sta tutto cambiando.

Leggi tutto